La “sfiga” di atterrare in una casa dove c’era già un fiocco celeste

 

Ospitiamo nel nostro “nuovo corso” Le storie di Giulia. Chi è Giulia: 13 anni,una ragazza come tante, con una passione in più, scrivere, immaginare e raccontare. Tutti noi dovremmo leggere e saper ascoltare questa preadolescente, termine associato spesso, solo ad una serie di problemi.  Giulia ci parla del conflitto e di come sia importante e , se ben indirizzato, generi il confronto , l’autostima, la tolleranza e soprattutto la capacità di ascolto. Questo ci dice Giulia, con le sue semplici parole, chiedendosi se sia veramente fortunato chi è figlio unico.. Benvenuta tra noi e grazie in attesa di un’altra storia di Giulia.

                       LITIGI TRA FRATELLI: LA “FORTUNA” DEI FIGLI UNICI?        
Oggi,  i ragazzi che nascono figli unici, considerano questo evento come una “botta di fortuna”.

Per spiegare questo teorema, trovano molte ragioni:: avere i genitori tutti per sé, essere i preferiti da mamma e papà, non avendo nessuno con cui concorrere, ricevere più regali, non dover condividere i propri spazi ed altre mille motivazioni, tutte studiate nei minimi dettagli.

In realtà la “sfiga” di avere un fratello è determinata dalle liti e dalle “guerre” che scoppiano  in casa ogni volta che qualcosa va storto o che si trova il modo più strano e ingegnoso per far arrabbiare i nostri fratelli. Di solito la parola PACE non viene mai pronunciata da uno dei due litiganti, neanche sotto tortura e quelle rare volte che viene pronunciata, c’è sempre lo zampino di un genitore.
Le ragioni principali per cui si litiga sono sempre le stesse: i giocattoli, i regali, le presunte preferenze o attenzioni ricevute… e così, certe volte, si arriva anche a mettere in discussione gli affetti. Con il passare degli anni però i fratelli iniziano a sentire il bisogno di uno spazio tutto loro e le ragioni dei litigi che una volta apparivano di vitale importanza, adesso diventano stupide ed insensate, ma in compenso sorgono altri problemi a non finire.

litigi

Il nostro umore, talvolta, è sollecitato dalla carenza di tranquillità che si espande nelle case e le liti sono al centro di tutto: si diventa ipersensibili e basta poco per far traboccare il vaso.

Ci si potrebbe divertire facendo una classifica sulle famiglie numerose meno litigiose: le vincitrici sarebbero, a parer mio, quelle con una lieve distanza di età tra i figli, dove si cresce insieme e gli ostacoli sono gli stessi per tutti.

Io sono sicuramente da primo posto nella Classifica letta al contrario.

Innanzi tutto ho avuto la “sfiga” di atterrare in una casa dove c’era già un fiocco celeste attaccato, rimpiazzato dal mio, dove, fino al mio arrivo, l’atmosfera era accogliente e tranquilla. In seguito sono cresciuta a quattro anni di distanza da mio fratello e quindi con tutti gli sforzi necessari la gelosia non era il nostro problema principale. Infine con il passare degli anni l’età mi ha condizionato: io avevo bisogno delle mie attenzioni  e quel tempo che intercorreva tra me e mio fratello si faceva sentire.

Avevo sempre pensato anch’io che era una “sfortuna” avere un fratellone, sentirlo criticare le mie abitudini , i miei vestiti e i trucchi, specialmente se non ero d’accordo, mentre mi accorgo che la lotta che ormai combatto da tredici anni mi è servita a riflettere che avere un fratello più grande o più piccolo è un impegno che genera, però, delle qualità.

E cioè, costringe a ricordarsi sempre che è l’unica  persona al mondo che ci sentiamo veramente di dover proteggere o da cui siamo protetti ed è una sensazione, un calore straordinario, capace di portare semplicità, felicità  e sicurezza in noi stessi; è quello persona  che si avvicina di più a te e anche se brontola o si arrabbia, è l’unica che ha il diritto di far valere le sue scuse o le cui promesse contano più di qualsiasi cosa.

Non è dunque propriamente una sfortuna ma la persona che, anche se non te lo dice ti vuole bene, pure quando si litiga, oggi è molto difficile da trovare. Uno che quando gli viene fatto un torto perdona con la facilità di un fratello, non è un articolo che si compra al mercato. Riflettendoci bene, le liti DEVONO esistere in una famiglia, perché nulla è perfetto e credo che nelle famiglie dove c’è più di un figlio (e quindi più di un litigio) si generi un amore tra fratello-fratello che in quelle con un figlio solo manca, forse per l’assenza di qualcuno che ti contraddica.

Alla fine non si può stabilire il vincitore, ma di sicuro, quando si litiga con un fratello, si desidera tanto essere figli unici e quando si sta un po’ da soli si sente la necessità di fare pace e di ricominciare per l’ennesima volta.

Giulia L.

Annunci

Non accontentiamoci. #puntiamoinalto

Non è buona regola “abbandonare” un blog per cosi tanto tempo, ma era giunto il momento di riflettere per migliorare la costruzione del nostro progetto . Molte cose sono state dette, molti momenti sono stati vissuti, molte cose sono accadute.  Tutto questo è servito per crescere ed evolvere, per raggiungere nuovi obiettivi, per non rimanere chiusi in una gabbia autoreferenziale, per mutare da crisalide a farfalla. Gia ci sentivamo un po  farfalle, ma ora ne siamo consapevoli. Con nuovi progetti e nuove idee sul nostro territorio. Siamo pronti a cambiare i percorsi ed aprirci a nuove sfide. Continueremo coinvolgendo anche altri ragazzi, oltre la decina di quelli “stabili” e quelli di altrettante collaborazioni saltuarie, con l’unico fine di renderli protagonisti, oltre quello che già sono. Cominceremo ad avvicinarci ai preadolescenti, e alle loro difficoltà. Nascerà un progetto sulla genitorialità condivisa per figli e genitori. Un altro progetto in cui i “maestri” saranno i ragazzi, pari a pari ,con i loro talenti e competenze che trasmetteranno idee e progetti, in un clima di apprendimento condiviso. Il tempo passa e ci ha fatto capire come ci serva per renderci competenti e  l’esperienza fatta sul campo, ci fa sentire in sintonia con la meravigliosa frase di Papa Giovanni II. giovanni paolojpgComunque continueremo sempre ad occuparci e a parlare delle cose del mondo e di quello che ci sembra poco detto o che ci viene in mente, come pensiero non convenzionale. Abbiamo sempre dentro di noi la convinzione della bellezza di #noneuncontinentenero.

Bambini di Colette: infanzie rubate

L’unica colpa di questi bambini è quella di essere nati, cresciuti in un contesto sociale debole e fragile, spesso soli, senza una famiglia.

Queste sono le parole conclusive di un articolo, letto ieri, di Cornelia I. Toelgyes , Africa-express.info , sui bambini rinchiusi nelle carceri in Sierra Leone. Oggi, abbiamo la possibilità di restituire un pò di dignitá a quelle infanzie che nel mondo non hanno avuto la possibilitá di essere vissute. Svegliamo le nostre coscienze.

image

Allontaniamo l’apatia del non partecipare,  andiamo ad ascoltare Colette. Quei racconti stimolano l’anima troppo sopita da tutte cose che ci circondano che ci rendono spesso inutili per noi e per gli altri . Un solo pensiero: Io che oggi non andró ad ascoltarla e perchè ho da fare cose veramente più importanti  per la mia anima? In tutto questo avremmo anche la possibilitá di provare una emozione in più: come la sensibilitá di un artista reagisce a quei racconti. Il Maestro Stefano Cianti dipingerá le parole e il racconto di Colette, rendendole anche visivamente indelebili e sará sicuramente una esperienza per crescere, per conoscere e comprendere. Per poterci aiutare a guardare dentro di noi e trovare la bellezza e la coscienza del nostro cuore

Blaise Pascal e Facebook

Tra i tanti saggi sui social, nel 1669 vengono pubblicati i Pensieri di  Blaise Pascal,  come Opera Postuma, e tra essi si trova un monito sull’uso che ne facciamo.

Pascal

Noi non ci accontentiamo della vita che abbiamo in  noi e nel nostro proprio essere: vogliamo vivere nel concetto degli altri una vita immaginaria, e ci sforziamo per questo di crearne le apparenze.
Lavoriamo incessantemente ad abbellire e a conservare il nostro essere immaginario, e trascuriamo quello vero.

 

Parole che fanno ricordare che il pensiero dell’uomo non cede di fronte al tempo, e dimostra la potenza della meditazione, che nel mondo contemporaneo a molti è sconosciuta. La forza del silenzio , che genera  idee che rimangono nel tempo; un dono per le future generazioni. Parole che ci aiutano a percorrere, comprendere e prevedere quello che accade. La frase di Pascal è una teorizzazione della vanità di 350 anni fa, meditata nel quiete e nel buio di un mondo  lontano.  Parole che ora, nel tempo di Facebook è dei Social ci servono per riflettere. In un mondo dove i suoni, le luci e le immagini di un vivere frenetico ci fanno riflettere poche volte e solo in un modo finalizzato. Non si usa forse la mente per creare un post o un contatto di business o scegliere dove andare,  in che festa o raduno, per dimostrare la propria appartenenza a un gruppo ?

Siamo in un periodo dove si passa il giorno a curare il proprio profilo, piuttosto che capire dove vai e chi sei. Facebook è una vetrina, un luogo dove scegliere come apparire agli altri, il luogo dove il consenso si ha sempre e il diniego ci rende visibili. Dove ci si nasconde e ci si mostra allo stesso tempo, dove si riesce ad avere amici, senza il confronto e i conflitti  che  rendono  un rapporto reale,  spesso difficile, ma sempre gratificante.

Chi se la sente di ribellarsi da  chi vuole l’omologazione come controllo, difenda la propria identità dalla massificazione. Affronti il silenzio che ci è negato e ci costringe al confronto con noi stessi e i nostri pari. Non si faccia diventare reale un profilo immaginario.

Wole Soyinka : Italia e Nigeria sono anime gemelle

Akinwande Oluwole “Wole” Soyinka, nato ad Abeokuta (Nigeria) nel 1934, è considerato uno dei massimi poeti e drammaturghi africani di lingua inglese del Novecento. Nel 1986 è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura

wole solynka1

ritratto e foto di Wole Soyinka © noneuncontinentenero

“Cosa hanno in comune Italia e Nigeria: la volubilità, il senso della famiglia, la verve artistica, la disposizione lirica – basta paragonare le canzoni napoletane con quelle di Calabar e quelle yoruba – il peperoncino, il disordine sociale, la vostra polenta e la nostra farina, il vostro osso buco e il nostro mokontan, la corruzione e i disegni criminali che coinvolgono tutto il settore pubblico, la concretezza e la disinvoltura. Quale capo di stato, se non un italiano, avrebbe mai graziosamente ammesso di avere portato la cultura africana a palazzo – col bunga-bunga! E poi ci meravigliamo che dei e santi si siano incontrati e amalgamati in America Latina! Come mai le prostitute nigeriane – o meglio, chi sta dietro al racket – sono di gran lunga più presenti in Italia che nelle altre nazioni europee? I nostri due paesi sono anime gemelle!”

leggi articolo da www.doppiozero.com

 

 

Human Rights Watch: In Italia solo 26 su 5.684 notizie date dalla televisione sugli immigrati non sono riferite a questioni di criminalità o alla sicurezza

Da uno studio condotto dall’Università della Sapienza di Roma è emerso che  solo 26 su 5.684 notizie date dalla televisione sugli immigrati non si sono riferite a questioni di criminalità o alla sicurezza – un dato statistico che Navi Pillay, magistrato sudafricano, giudice della Corte Penale Internazionale,che ricopre la carica di Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha definito “sbalorditivo.”

hrw

La televisione è la principale fonte di notizie per l’80 per cento della popolazione italiana. Quindi i responsabili dell’informazione e dei media non aiutano certo il processo di integrazione

Un razzismo crescente e pervasivo influenza ogni aspetto della vita, ha osservato Chiara (uno pseudonimo), una donna italiana abitante nel quartiere di Tor Bella Monaca di Roma, che nella routine quotidiana ha visto crescervi l’odio e strisciarvi sempre più la violenza. Chiara ha raccontato a Human Rights Watch che altre madri si lamentano con lei che qui “vedo solo negro, sono diventati tutti africani. C’è posto al nido per loro ma non per me.” Un giovane le ha detto: “I rumeni hanno il rubare nel loro DNA. Io lavoro con un rumeno, ma di notte siami nemici e se lo vedo, lo pesto.” Chiara stava parlando con una amica marocchina sull’autobus un giorno quando un altro passeggero l’ha sgridata così: “Se parla con loro, non se ne vanno più!” Un amico rumeno di Chiara ha comprato una bicicletta in modo da poter evitare gli insulti che regolarmente riceve sui mezzi pubblici. Ha detto che la guardia del supermercato di quartiere ha detto a sua figlia di starle vicina “perché c’erano gli zingari che rubano i bimbi.”

8 febbraio : Giornata mondiale contro la schiavitù. A Sutri (VT) il 14 Febbraio un film sulla tratta delle donne nigeriane

“La tratta è un crimine transnazionale che sconvolge la vita di migliaia di persone ed è causa di inaudite sofferenze”

Affronteremo questo argomento a Sutri (VT) il 14/02/2016 presso il Colle Diana Cafè alle ore 17.30 dove insieme a Giuseppe Carrisi e alla sua associazione, Pizzicarms, assisteremo alla visione del film: ” Le figlie di Mami Wata”, sulla tratta delle donne nigeriane per sfruttamento sessuale.

webFiglie di mami Wata

Secondo i dati forniti dal Ministero dell’Interno, le donne nigeriane arrivate via mare in Italia a fine settembre 2015 sono state 4.371. L’anno scorso, nello stesso periodo, erano state 1.008.

“Stimiamo che l’80 per cento delle ragazze nigeriane siano vittime di tratta”, dice Federico Soda, dir. Uff di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM. “molte di loro provengono dalla regione di Edo, dove vengono adescate e sottoposte a cerimonie voodoo: riti attraverso i quali viene loro imposto un ricatto psicologico, nella convinzione che qualsiasi tentativo di fuga o ribellione dai loro trafficanti causerà sventure ai propri cari.”

“Si tratta di un tema al quale l’OIM dedica da anni il proprio impegno tramite progetti volti a promuovere attività di prevenzione e a favorire lo sviluppo di norme giuridiche in grado di contrastare questo crimine, garantendo assistenza alle vittime e sviluppando una conoscenza più approfondita del modus operandi del crimine organizzato”.

“Purtroppo”, continua Soda, “dobbiamo registrare un aumento delle vittime di tratta. Da qualche mese osserviamo un incremento esponenziale di arrivi via mare di donne africane, provenienti in modo particolare dalla Nigeria. Molte di loro hanno caratteristiche e raccontano storie che ci fanno capire di trovarci in presenza di vittime di tratta. Siamo preoccupati in particolare dell’aumento delle ragazze minorenni, che spesso dichiarano di essere maggiorenni perché costrette dai loro trafficanti, che pensano cosi di riuscire a disporre di loro in maniera più libera”.